Le strade dimenticate

Se si può amplificare il piacere del ciclismo aggiungendo l'ignoto, perché non farlo?

Con le foglie che cadono lentamente dagli alberi e le temperature che iniziano ad abbassarsi, abbiamo iniziato un'ultima avventura prima che l'inverno arrivi davvero. Il luogo migliore per godersi un'avventura autunnale è la Lombardia, in Italia, naturalmente, ma questa volta con una svolta. Con le nostre nuovissime Roadmachine X a portata di mano, abbiamo deciso di creare il nostro Giro di Lombardia, esplorando le zone che una bici da corsa finemente messa a punto potrebbe solo sognare – lo potremmo definire un Giro di Lombardia X. Questa è la storia di quel giro.

Il percorso che i professionisti non fanno
L'ora di punta di Como si sente intorno a noi. È ancora buio e le auto sfrecciano, chiaramente impazienti di raggiungere l'ufficio. A questo punto, stiamo pedalando velocemente - una versione alternativa della produttività - per poter fuggire dalla città. Tra due giorni, quando i professionisti percorreranno questo stesso tratto del percorso del Giro di Lombardia, avranno il lusso di trovare le strade chiuse, ma noi no. Per la cronaca, è l'unica parte del giro di oggi che vogliamo finire il più presto possibile; abbiamo intenzione di assaporare il resto.

Il nostro percorso rispecchia quello della corsa WorldTour da Como a Bergamo, ma con alcune differenze fondamentali. La maggior parte del percorso che abbiamo creato - le strade secondarie, i sentieri di campagna, perfino i singletrack - non sono presenti nella versione pro, nonostante superfici come queste siano la realtà per molti ciclisti. È un percorso più avventuroso, pieno di deviazioni e non ci dà altra scelta che affrontare le salite e il terreno sulla nostra Roadmachine X, affidandoci al tipo di cultura ciclistica con cui siamo cresciuti.

Prima che ce ne accorgiamo, usciamo dalla strada principale e ci immettiamo nella salita di Civiglio. La conoscerai dalle passate edizioni del Giro di Lombardia, ma dal vivo è più ripida di quanto sembri in televisione. Anche se non è presente nel percorso 2021, l'affrontiamo come riscaldamento per gli oltre 5000 metri di dislivello in programma oggi.

Rimani ispirato
Il nostro percorso è mappato a 210 km su una bici che è stata progettata per reimpostare i confini delle (v)nostre avventure in sella. Secondo Komoot, due terzi sono su strada, con il restante terzo diviso tra piste ciclabili, “strade” vagamente definite e “sentieri” altrettanto vagamente definiti. Ci sono anche 5 km di singletrack che siamo curiosi di vedere, arrivando in cima a una sezione di sterrato dall'aspetto molto attraente che si estende sopra il Muro di Sormano prima di arrivare in cima al Ghisallo.

Per alcune ore della gara WorldTour dopo aver passato Lecco, tutto ciò che vedrete in televisione sarà il saliscendi di bucoliche valli di montagna e villaggi dall'aspetto antico che passano più velocemente di quanto possiate immaginare. Questo effetto è la caratteristica principale in questa regione prealpina, con infinite curve lungo la valle che collegano villaggi lontani. Per i ciclisti, questa zona non è molto conosciuta (a parte il Selvino, naturalmente), il che lo rende perfetto per i nostri scopi: abbracciare il come e il perché dell'andare in bicicletta, piuttosto che limitarsi a completare la distanza con gli occhi puntati sui numeri di un computer da bicicletta.
Dopo tutto, se si può amplificare il piacere di andare in bicicletta aggiungendo l'ignoto, perché non farlo?

La realtà
C'è molto sudore, qualche parolaccia, qualche metro di hike bike e molti momenti wow. La nostra velocità media sale e scende, ma chi se ne frega. Finalmente riusciamo a pedalare attraverso un paesaggio che ci ha stuzzicato nel corso degli anni, girando su stradine e sentieri che avevamo visto dal bordo della strada e che prima ci erano sembrati troppo dissestati o semplicemente troppo remoti per essere percorsi. Ogni stop o  deviazione ci sembra una novità. Anche le piste ciclabili ci danno una scossa di eccitazione.

La discesa dei 19 tornanti di Selvino al tramonto si trasforma rapidamente in una corsa verso la Città Alta di Bergamo. Questo è un tratto che faranno i professionisti - il loro premio è un posto sul podio, il nostro una grande pizza con vista sulle luci della città. Premi e percorso a parte, il ciclismo è il ciclismo, quindi non è certo una sorpresa che qualunque sia la versione del Giro di Lombardia in cui ti trovi, quella tradizionale o quella alternativa, finisce per essere una gara.

La bicicletta
Dall'asfalto veloce e liscio allo sterrato single-track e tutto ciò che sta in mezzo, avevamo bisogno di una bici che potesse gestire tutto. La Roadmachine X ha fornito la configurazione perfetta. L'affidabile e leggero telaio Roadmachine in carbonio con geometria per resistere un'intera giornata di guida, l'ampia gamma di rapporti forniti dal gruppo SRAM Force AXS 1x e gli pneumatici da 33 mm che sono stati in grado di assorbire tutte le asperità che gli abbiamo lanciato addosso.

La Roadmachine più progressiva di sempre.

ROADMACHINE X