Spedizione gratuita per gli ordini superiori a 150 CHF

“Con la duttilità della Roadmachine, ho il privilegio di portarmi dietro la stessa sensazione in tutti i luoghi.”

Conrad Glassey può capire le caratteristiche di una superficie a kilometri di distanza. Quando non scende in turbinose acque bianche in kayak o lungo pendii innevati con gli sci, il capo del management di prodotto di BMC è in grado di disquisire sulle differenze tra l’asfalto francese e quello svizzero. Sorride: “Da dove comincio?”

“Qualche volta penso che siamo un po’ viziati in Svizzera, dove anche la più remota stradina dell’Emmental è liscia come la pista di un aeroporto. Con la duttilità della Roadmachine però, ho il privilegio di portarmi dietro la stessa sensazione in tutti i luoghi."

L’asfalto svizzero e la Roadmachine vanno di pari passo, se chiedete a Glassey. Creata per esaltare la duttilità, è una scelta ideale per questo atletico 49enne che percorre veloce le strade magari un po’ meno curate tra la Francia e la sede di BMC a Grenchen.

Viaggi, amici e famiglia sono i tre pilastri della sua esistenza e tutti e tre sono venati dallo sport. Ex canoista di livello internazionale, Glassey oggi fa sport dallo sci di fondo al ciclismo su e fuori strada, non solo per mantenersi in forma ma anche per interagire con le persone ed i luoghi intorno a lui.

“Qualunque attività io faccia porta equilibrio nella mia vita. Può essere un’uscita di qualche ora in bici con gli amici nel weekend o una sgroppata veloce di 90 minuti con gli sci da fondo dopo il lavoro in solitaria per mantenermi in allenamento” dichiara. Oggi, ammette che il suo passato multi-sportivo ha pesato sulla scelta di una bicicletta versatile. “Le pedalate che faccio oggi sono piuttosto sociali, con tanto di pausa caffè, ma anche con qualche scaramuccia verso la vetta delle salite.” Si schernisce: “Sai, la tipica cosa da maschi su chi arriva primo.”

The One-Bike Collection

Roadmachine