Scegliere la provenienza e la lingua

  • Internazionale
    • English
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
    • Español
  • Svizzera
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
  • Germania
    • Deutsch
  • Austria
    • Deutsch
  • Francia
    • Français
  • Italia
    • Italiano
  • Spagna
    • Español
  • Benelux
    • Français
    • English
  • USA
    • English
    • Español

Questo sito utilizza cookie. Continuando a utilizzare questo sito autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni, consultate la nostra pagina 'Informativa sulla protezione dei dati personali'.

Compare

Compara

Scegliere la provenienza e la lingua

  • Internazionale
    • English
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
    • Español
  • Svizzera
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
  • Germania
    • Deutsch
  • Austria
    • Deutsch
  • Francia
    • Français
  • Italia
    • Italiano
  • Spagna
    • Español
  • Benelux
    • Français
    • English
  • USA
    • English
    • Español

Singletrack Switzerland: pedalare all'ombra del Cervino

BMC Switzerland — 1. aprile 2016 — CultureBlast
CultureBlast

Mai sognato di scendere migliaia di metri di dislivello di antichi sentieri alpini in Svizzera? Una nazione dove, con seggiovie, cabinovie e treni, è possibile salire su centinaia di vette leggendarie... Vi ci accompagnamo noi, con Teton Gravity.

Vi presentiamo Singletrack Switzerland, un progetto sulla mountian bike di Teton Gravity Research, realizzato in collaborazione con Swiss International Air Lines, Switzerland Tourism, e BMC Switzerland. In questa serie, due bikers americani, Brice Shirbach e Carston Oliver, girano i sentieri di tutta la Svizzera, trovando percorsi e paesaggi distanti dalle loro abitudini di nord-americani.

Nel primo episodio, Brice e Carston fanno scalo nel villaggio di Zermatt, nel sud del cantone svizzero del Vallese. Il duo si associa alla pro-rider BMC Kerstin Kögler nell'esplorare tutto quello che la zona ha di meglio da offrire, dall'itinerario del Gornergrat via treno al ghiacciaio gigante Zmutt.

Dopo essere atterrati a Zurigo, Brice e Carston raggiungono rapidamente Zermatt con il treno e qui trovano ad aspettarli Kerstin Kögler. Ancora ignari di cosa li attende qui, il piccolo gruppo si trova intimidito e allo stesso tempo affascinato dal grandioso paesaggio. E' un mondo completamente a parte, non abbiamo questo genere di sentieri alpini da noi, così esposti “E' un mondo completamente a parte,” è il commento di Brice Shirbach, “non abbiamo questo genere di sentieri alpini da noi, così esposti.”

Scendere paesaggi così panoramici e grandiosi come questi è molto difficile nella maggior parte del Nord America. Eppure a Zermatt come in molte altre regioni svizzere, il Gornergrat (un treno) vi porterà in 30 minuti ad un dislivello di 1500 metri, a strapiombo sulla rete di sentieri che si diparte ai vostri piedi. Nell'uscire dai vagoni, i rider sono immersi in un vista a 360 gradi con vedute sul ghiacciaio Gorner, sulla vetta del Cervino e sulle retrostanti catene al confine con l'Italia. Questo esclusivo accesso alle più alte zone alpine, unito ad una lunga storia nella creazione e nel mantenimento dei tracciati, realizzano lo scenario perfetto per percorsi di livello mondiale.

© Grant Gunderson

A parte lo spaesamento iniziale non ci è voluto molto a Brice, Kerstin, e Carston per sentirsi a proprio agio in sella. Le Trailfox e le Speedfox Trailcrew sono nate per le discese lunghe e tecniche che si trovano sulle Alpi  Le Trailfox e le Speedfox Trailcrew sono nate per le discese lunghe e tecniche che si trovano sulle Alpi e quindi si ritrovano a casa sia sugli antichi sentieri rocciosi in quota che nei loro proseguimenti morbidi e scorrevoli nel sottobosco delle valli. Sebbene simili in apparenza il diverso carattere delle bici si associa alle caratteristiche dei piloti, Brice e Kerstin più cavalli da corsa duri e puri, mentre Carston più giocoso, sempre fluido in sintonia con il tracciato.

Quasi ogni giorno il gruppetto si ritrova a pedalare lungo la Hinterdorfstrasse, la stretta lastricata via nel centro storico di Zermatt, sulla quale si affacciano gli edifici più vecchi e gli antichi granai. Gli ingegnosi costruttori hanno escogitato la soluzione di sospendere completamente i fienili su piedini con una pietra piatta in cima, in modo tale che i topi non potessero salire ed infestare il raccolto di fieno. L'ingegnosità svizzera qui si manifesta dalle antiche tecniche costruttive vernacolari fino all'incredibile efficienza della rete di trasporti pubblici.

© Grant Gunderson

Per l'ulitmo giorno nella zona di Zermatt, il trio compie l'escursione verso la parete nord del Cervino, per vedere da vicino il ghiacciaio Zmutt, l'ultima parte della Haute Route Glacier Trek. Alla bocca del ghiacciaio i ragazzi hanno riempito le borracce con l'acqua purissima appena sciolta dai ghiacci, un'esperienza inedita per tutti. Prima di inseguirsi nuovamente all'ombra del picco del Cervino per l'ultima volta, Brice, un habituè dei più celebri single-track globali, trova il tempo per notare: “Questo è probabilmente il miglior giro che abbia mai fatto: this is sick!”

Innovazione
Internazionale, Italiano Siti BMCTrova un rivenditoreB2BContatto