Scegliere la provenienza e la lingua

  • Internazionale
    • English
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
    • Español
  • Svizzera
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
  • Germania
    • Deutsch
  • Austria
    • Deutsch
  • Francia
    • Français
  • Italia
    • Italiano
  • Spagna
    • Español
  • Benelux
    • Français
    • English
  • USA
    • English
    • Español

Questo sito utilizza cookie. Continuando a utilizzare questo sito autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni, consultate la nostra pagina 'Informativa sulla protezione dei dati personali'.

Compare

Compara

Scegliere la provenienza e la lingua

  • Internazionale
    • English
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
    • Español
  • Svizzera
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
  • Germania
    • Deutsch
  • Austria
    • Deutsch
  • Francia
    • Français
  • Italia
    • Italiano
  • Spagna
    • Español
  • Benelux
    • Français
    • English
  • USA
    • English
    • Español

Tanto di cappello a Vicki Car: modista e costruttrice di ruote

5. dicembre 2016 — BMC Tempo

Precisione, meticolosità, amore per i dettagli: la creazione di copricapi e quella di ruote hanno più cose in comune di quante possiate immaginare. L’australiana Vicki Car è riuscita a combinare le sue due passioni: è prima modista dell’Australian Ballet ma anche costruttrice di ruote in un negozio di biciclette.

Vicki Car porta avanti non una, ma due professioni a dir poco eccezionali: da un lato, genio artistico e creatrice di cappelli, tiare e gioielli per l’Australian Ballet; dall’altro, costruttrice di ruote per il più grande rivenditore BMC in Australia, KAOS Custom Bikes, con sede a Melbourne.

Dal teatro al balletto

Le radici dell’attuale carriera di Vicki non risiedono in un passato di dita sporche di grasso di bicicletta, né affondano nel backstage del balletto, quanto piuttosto in un teatro. Lavorava come macchinista, allestendo i set e lavorando agli spettacoli. “Adoravo quel lavoro, ma era molto stressante dal punto di vista fisico e degli orari.” Sapeva che non avrebbe potuto farlo per sempre. “Una notte stavamo scaricando un camion. Erano le 3, nevicava e non sentivo più le mani e i piedi. Se l’autista mi avesse chiamato ‘dolcezza’, ‘amore’ o ‘principessa’ un’altra volta, credo che sarei impazzita.” Fu allora che capì che quel lavoro non faceva più per lei. Data la sua antica passione per l’ideazione e la realizzazione di attrezzature sceniche, Vicki seguì dei corsi serali di modisteria presso il London College of Fashion. “Dalla prima lezione capii che era quello che volevo fare.” Dalla prima lezione capii che era quello che volevo fare.Dopo 18 mesi di studio e lavoro dietro le quinte, trovò un impiego a Covent Garden, lavorando per la Royal Opera e il Royal Ballet. All’interno di un team con altri tre modisti, sentì di aver trovato finalmente la sua strada, racconta.

La tiara preferita di Vicki, indossata dalla ballerina Olivia Bell.

Tricorno in feltro, cappello a forma di scarpa, tiara…

“Cosa amo del mio lavoro all’Australian Ballet? La varietà!” Cosa amo del mio lavoro all’Australian Ballet? La varietà!Potrebbe trascorrere una giornata intera confezionando tricorni in feltro per soldati, quella successiva creando un cappello a forma di scarpa per la sorellastra di Cenerentola o una tiara luccicante per Aurora. Vicki parla con entusiasmo del suo rapporto con i ballerini: “Essere capaci di creare un cappello o un copricapo che va oltre le aspettative di qualcuno con tanto talento e con una simile visione è una sensazione incredibile”. Inoltre, adora lavorare con diversi stilisti, coreografi e materiali, ha affermato.

Ma il suo lavoro comporta anche delle sfide, ci tiene a sottolineare l’australiana. “La parte più complessa del mio lavoro è tenere separate le mie idee da quelle dello stilista. In fin dei conti, si tratta della sua visione e il mio compito è solo quello di trasformare quella visione in realtà. Non mi deve piacere per forza, devo solo realizzarla.”

L’ultima arrivata al Bike Shop

“Al Ballet, so di avere conoscenze e competenze sufficienti ad affrontare le sfide per le strutture più difficili. Ma nel negozio di biciclette, sono solo l’ultima arrivata”, scherza Vicki. L’australiana lavora part-time per KAOS Custom Bikes, il più grosso rivenditore BMC dell’isola. Il proprietario del negozio è Andrew Oosterwhegel, anch’egli fabbricante di ruote. “Andrew è capace di creare 300 paia di ruote all’anno con una cura e un’attenzione impressionanti”, afferma la sua dipendente. Ma come è arrivata Vicki la modista a lavorare da KAOS?

Il fratello di Vicki aveva fatto costruire delle ruote per la sua bici da KAOS. La sorella rimase affascinata da quegli oggetti sin dal primo momento. “Il fissaggio dei raggi era perfetto. Chiesi a mio fratello di portarmi con lui, la volta successiva, perché volevo conoscere l’autore di un lavoro così semplice e complesso al tempo stesso.” Così, conobbe Andy Oosterwhegel. Parlando del fissaggio dei raggi, Vicki accennò al fatto che trovava scomodo il suo sellino. Quindi, tornò al negozio ogni settimana, per oltre un mese, per provarne vari. Si resero conto che il marito di Vicki era un vecchio compagno di scuola di Andy e che non si vedevano da oltre 25 anni. Vicki iniziò a portare la sua bici al negozio di Andy per la manutenzione e infine entrò a far parte di di KAOS.

A centrare i cerchi: Vicki in officina.

Più tardi, Vicki comprò una road bike BMC Streetracer da Andy. “Quando costruì le mie ruote mi mostrò come fissarle da sola. Devo aver dimostrato qualche capacità particolare, perché Andy mi disse che se mai avessi deciso di lasciare il mio lavoro, lui me ne avrebbe offerto uno.” Ma perché costruire ruote? “Mi piace avere capacità insolite, che si tratti di creare una tiara per una ballerina o costruire una ruota per un ciclista: sono cose che non tutti sono in grado di fare.”

Mi piace avere capacità insolite, che si tratti di creare una tiara per una ballerina o costruire una ruota per un ciclista: sono cose che non tutti sono in grado di fare.Nonostante KAOS abbia offerto a Vicki un lavoro a tempo pieno, lei ha deciso di non rinunciare alla sua professione di modista: “Perché non farle entrambe?” dice ridendo. Andy, il proprietario di KAOS Custom Bikes, ha preso Vicki sotto la sua protezione. “Mi sento un po’ come un’apprendista. Ricevere anche solo una minima parte della conoscenza di Andy mi fa sentire enormemente privilegiata.” Dice di comprendere sempre più i processi man mano che li ripete su ruote diverse, con diverse combinazioni di raggi e perni, e afferma: “Sto diventando sempre più brava a capire cos’è che non va, quando qualcosa va storto”. Ciò che rende una ruota buona, è abbastanza simile a ciò che rende una bicicletta buona, ci spiega: componenti di qualità, ben assemblati da mani esperte.

“Andare in bici ha il sapore della libertà dell’infanzia”

“Per me, andare in bici è estremamente simile alla sensazione di libertà che si prova da bambini” dice Vicki. Come la maggior parte dei bambini australiani, anche lei andava in bici ovunque: a scuola, al mare, a casa degli amici. Ha riscoperto la bicicletta al suo ritorno in Australia e dopo la nascita del figlio Nate. “Quando Nate era cresciuto abbastanza per sedere nel seggiolino posteriore della mia bici, andavamo in giro nel fine settimana e lui batteva la mano sulla mia schiena gridando: ‘Più veloce, mamma!’”

Alla fine, Vicki prese in prestito da un amico una bici da strada, e non se n’è più staccata. Si appassionò così tanto che decise di acquistarne una per sé. Da allora ne ha cambiate tre e ora la sua bici è una BMC Timemachine TMR01, ovviamente con ruote fatte a mano da Andy. “Oltre alla mia TMR01 ho anche una single speed fatta da me per andare al lavoro, una BMC Speedfox per i percorsi fuoristrada, una bici vintage con telaio da donna e cestino anteriore e ho adocchiato anche la Granfondo GF02 verde del 2015. È difficile smettere!”

È difficile smettere!

 

 

Vicki di fronte al suo secondo ufficio: KAOS Custom Bikes, a Melbourne.

 

Parallelismi tra modisteria e costruzione di ruote

“Le nostre creazioni devono migliorare le performance, che siano le piroette su un palco o la discesa da una montagna in bicicletta.” Con queste parole, Vicki descrive le similitudini tra le due attività. Sostiene che sia fondamentale capire il motivo e il modo in cui la gente usa il proprio corpo. Con questa conoscenza, può aiutarli a migliorare, divertirsi e star bene in quello che amano fare, che sia ballare o andare in bici. “Ovviamente, le finiture sono completamente diverse: le ruote hanno copertoni in gomma e le tiare cristalli e perle, ma a parte questo, è necessaria la stessa precisione e meticolosità per una buona riuscita dell’intero lavoro.”

 

Potete trovare Andy e Vicki al negozio KAOS Custom Bikes al 981 Glen Huntly Road, Melbourne

Il suo paradiso personale: Vicki nel suo atelier all'Australian Ballet.

Innovazione
Internazionale, Italiano Siti BMCTrova un rivenditoreB2BContatto