Scegliere la provenienza e la lingua

  • Internazionale
    • English
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
    • Español
  • Svizzera
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
  • Germania
    • Deutsch
  • Austria
    • Deutsch
  • Francia
    • Français
  • Italia
    • Italiano
  • Spagna
    • Español
  • Benelux
    • Français
    • English
  • USA/Canada
    • English
    • Español
    • Français

Compare le biciclette

Compara

Scegliere la provenienza e la lingua

  • Internazionale
    • English
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
    • Español
  • Svizzera
    • Deutsch
    • Français
    • Italiano
  • Germania
    • Deutsch
  • Austria
    • Deutsch
  • Francia
    • Français
  • Italia
    • Italiano
  • Spagna
    • Español
  • Benelux
    • Français
    • English
  • USA/Canada
    • English
    • Español
    • Français
  1. Excitement research
  2. TCC
  3. Vmax
  4. ACE
  5. APS
  6. BWC
  7. DTi

BMC – The Bicycle Manufacturing Company

Il nome contiene tutto. Qui in BMC ci concentriamo su ciò che sappiamo fare meglio: costruire biciclette. Dedichiamo tutte le nostre energie a creare il non-plus-ultra della bici da strada, da pista o da fuori-strada, per atleti professionisti o ciclisti della domenica.

Scopri le nostre innovazioni

Excitement research

Alcune aziende lo chiamano processo di sviluppo. Per noi è una ricerca entusiasmante. Grazie ad un’innovativa tecnica in-house, nell’Impec Advanced R&D Lab di Grenchen simuliamo prototipi e applichiamo i più alti livelli di know-how ingegneristico, abilità manuale e design. 

Combiniamo questo processo con il feedback acquisito in base a test pratici condotti su strada e fuori, nei dintorni della nostra sede. Ripetiamo i test ancora e ancora, finché non siamo convinti di aver realizzato il miglior prodotto possibile. Viviamo e respiriamo la ricerca e lo sviluppo. Le attività sono organizzate a ritmo così intenso che riusciamo a completare un ciclo nell’arco della giornata: dallo studio di design all‘officina, attraverso l‘uscita in bici all’ora di pranzo e le pause caffè, fino al confronto continuo con i nostri atleti professionisti. Come vedete, l’approccio di BMC è diverso. Non vogliamo solo differenziarci dagli altri, vogliamo anche essere sicuri di mantenere le nostre promesse e di offrirvi le soluzioni più innovative e all’avanguardia.

impec Advanced R&D Lab

TCC - High-tech nell’inferno del nord

Vedi video

Restate freschi, potenti ed efficaci con un'ingegnerizzazione del confort

Rigido dove deve, flessibile dove non deve

Rotolare sul liscio è muoversi più velocemente ed efficacemente

La regina della classiche è la leggendaria Parigi-Roubaix, che deve la sua fama al terribile pavè. I lunghi tratti di strada pavimentati come un tempo con pietre squadrate, esigono grande impegno e prestazioni eccellenti sia al ciclista che alla bicicletta. Queste superfici accidentate richiedono qualcosa di particolare. Abbiamo voluto trovare soluzioni innovative che assorbissero le sollecitazioni che i nostri ciclisti professionisti dovevano sopportare su questi tratti difficili. Rendendo più sopportabili i loro disagi, abbiamo realizzato in breve tempo eccezionali risultati.

TCC – Tuned Compliance Concept

Non è facile immaginare la flessibilità e la rigidità che lavorono all’unisono, ma il Tuned Compliance Concept realizza proprio questo. Le biciclette più avanzate sono progettate per essere le più dinamiche su strada e per gli ingegneri BMC questa è un’opportunità per spingere al massimo il design funzionale.

TCC – Tuned Compliance Concept

Massimo equilibrio tra rigidità e flessibilità verticale

La duttilità ha a che vedere col livello di flessibilità del telaio di una bicicletta che, combinata con la rigidità, può consumare fino al 15% dell’energia di un ciclista. Il nostro Tuned Compliance Concept è studiato per minimizzare proprio questo impatto sfruttando il know-how tecnico e l’esperienza raccolta in anni di progettazione, in modo da creare un equilibrio ottimale tra comfort e performance per una pedalata comoda e dinamica.

BMC Racing Team, Marcus Burghardt, Paris-Roubaix 2014

Le sospensioni attive non sono caratteristiche tipiche di un telaio di bicicletta da strada. Questo non significa che non ci sia un effetto di ammortizzazione. Tutti i telai e le forcelle delle biciclette sono flessibili, insieme ai raggi, alle ruote, ai reggisella, alle selle, ai manubri e agli attacchi manubrio. Abbiamo realizzato foderi alti posteriori molto sottili, spostandoli più in basso. Abbiamo dato un off-set ai forcellini posteriori, construendoli completamente in carbonio. Abbiamo riprogettato il reggisella in modo da controllare la flessione verticale, massimizzando quella che noi definiamo Angle Compliance. Così facendo le sensazioni che disturbano la vostra pedalata, le sollecitazioni e le vibrazioni, non vengono trasferite al vostro corpo. La ruota posteriore non perde il contatto con il terreno, si procede rapidamente e senza sobbalzi eccessivi, anche sui terribili tratti di pavé della Parigi-Roubaix e delle Fiandre.

Una volta garantita una corsa confortevole, cosa succede al telaio quando spingete sui pedali? Tubo obliquo maggiorato, tubo di sterzo, foderi e testa della forcella assemblati con fibre di carbonio ad alto modulo per aumentare la rigidità laterale del telaio. Quest‘ultima migliora l’efficienza nel trasferimento dell‘energia trasmessa dal ciclista al terreno. Non solo: anche la rigidità torsionale è più elevata, consentendo una maneggevolezza intuitiva, leggera e precisa.

Hell's Kitchen - research meets reconnaissance

World Champion, and classics legend, Thor Hushovd defines what it takes to be a hard-man, and the bike necessary to get the job done.

Vmax = p2p x subA – Sconfiggi il nemico

Vedi video

La posizione aerodinamica dovrebbe essere funzionale, efficace e confortevole

Position-to-Perform ha l'obiettivo di adatarsi alle misure di qualunque atleta

Pronta per ogni specialità: dall'Ironman allo sprint, passando per quello che c'è in mezzo

Tra un ciclista e la sua migliore cronometro c’è un temibile avversario: la resistenza dell’aria. Ogni corridore deve combatterlo. La resistenza aerodinamica è proporzionale al quadrato della velocità. Al di sopra di una velocità di 15 km/h la resistenza aerodinamica supera ogni altra forma di freno, cioè le perdite per attriti di natura meccanica o causate dalla resistenza al rotolamento degli pneumatici.

Il design aerodinamico ottimizzato, la completa integrazione dei componenti e spazi molto ampi di adattabilità sono elementi chiave nell'elevata aerodinamica della bicicletta. La nostra serie timemachine è stata sviluppata per rendervi più veloci che mai. Vi aiutiamo a realizzare il vostro miglior tempo nelle corse a cronometro e a battere il vostro record personale nei triathlon, offrendovi confort. L’unica scusa che vi resta quando tagliate la linea del traguardo sono le gambe, i polmoni e la vostra mente.

La formula vincente: 
Vmax = p2p x subA

L’aerodinamica non riguarda solo la bicicletta, ma considera la posizione del ciclista in sella valutando l’intero quadro d’insieme.

p2p

La formula P2P con l’idea Position to Perform è semplice quanto geniale. La massima possibilità di regolazione dell’attacco manubrio e della posizione della sella vi consentono di trovare la posizione ideale sulla bicicletta per uno sprint, una competizione Ironman o qualsiasi altra prestazione.

SubA

SubA si riferisce alla cura dell’aerodinamica attraverso la minima esposizione al vento. A questo scopo sono fondamentali tre caratteristiche: Teardrop 3:1, Truncated Profile con bordo di chiusura dritto e Tripwire con profilatura a gradino lungo i bordi di attacco.

  • Teardrop 3:1

    Si riferisce al rapporto tra lunghezza e larghezza della sezione dei profili a goccia dei tubi del telaio; 3 a 1, appunto.
  • Truncated Profile

    Abbiamo realizzato un bordo di uscita piatto nelle sezioni dei tubi, riducendo il peso e aumentando la rigidità del telaio, in modo da controllare così le turbolenze in modo ideale.
  • Tripwire technology

    Per il Tripwire abbiamo preso ispirazione dall'areonautica. Consiste in speciali bordi sagomati a gradino posizionati nel lato di attacco del telaio in carbonio, in modo da controllare lo svilupppo delle turbolenze che si sviluppano direttamente sulla superficie. Si viene così...
BMC TMR01 Windcutter - Made to ride fast

World Champion Phillip Gilbert shows what's posible with record-breaking aerodynamics and unsurpassed integration.

ACE – 34.000 prototipi in un solo anno

Per salire alla velocità della luce e guidare una piuma, il massimo della leggerezza

La forza sui pedali, come lo intendono gli ingegneri

Tutte le strade devono scorrere come quelle svizzere

Se volete un telaio ottimizzato al suo limite, dovete attendere a lungo. Così stavano le cose prima dello sviluppo di ACE, il software in-house che gli ingegneri di BMC usano ogni giorno per simulare in modo digitale ogni stadio e iterazione di un nuovo telaio in carbonio. Con ACE sviluppiamo prototipi virtuali prima della loro effettiva costruzione. Ormai presso l’Impec R&D Lab di Grenchen, in Svizzera è solo questione di mesi, mentre in precedenza erano necessari anni di lavoro dedicati ai test e alla realizzazione di prototipi.

ACE - Accelerated Composites Evolution Technology

Nel 2010 abbiamo deciso di migliorare il design della prima generazione della teammachine. Ci siamo resi conto che affidarsi unicamente ai test e ai collaudi sul campo non ci permetteva di raggiungere i risultati sperati. Collaborando con esperti del campo, abbiamo sviluppato ACE, ovvero la tecnologia Accelerated Composites Evolution. Sostituendo i processi tradizionali di realizzazione dei prototipi, il programma iterativo di modellazione ha prodotto più di 34.000 possibili configurazioni del telaio in un anno. Queste informazioni ci consentono di ottimizzare in modo virtuale il modello geometrico, le sezioni trasversali dei tubi ed il processo di sovrapposizione degli strati di carbonio per assicurare che i prototipi fisici prodotti si avvicinino nel modo più accurato possibile al prodotto finito, riducendo così notevolmente i tempi di sviluppo.

BMC ACE Technology

Durante la progettazione di un telaio la tecnologia informatica di BMC valuta migliaia di versioni per garantire che il prodotto finale fornisca la performance che richiedono i ciclisti.

Con la tecnologia ACE le caratteristiche più rilevanti della performance di una bicicletta da corsa, cioè peso, rigidità e comfort, sono combinate nel miglior modo possibile per dare origine a un’esperienza di guida unica e alla migliore performance. Durante il processo di ingegnerizzazione, al posto di realizzare prototipi fisici per ogni stadio, possiamo accelerare il processo di progettazione evolutiva. Sulla base di oltre 200 parametri, come le misure delle sezioni trasversali, i punti di controllo telaio, gli obiettivi di prestazioni, il nostro Finite Element Method (FEM) ha stabilito un modello di calcolo per definire la performance assoluta in termini reali del telaio. Tramite formule complesse vengono individuate le caratteristiche di ogni iterazione del design del telaio. Queste vengono continuamente ridefinite fino a trovare la perfetta combinazione di tutti i parametri.

 

 

 

APS - Geometria: 1 Ostacoli: 0

Vedi video

Sospensioni progettate per annullare le asperità, non spinta delle gambe

Restate freschi, potenti ed efficaci con un'ingegnerizzazione del confort

Una ottima cinematica della sospensione si traduce in prestazioni sempre migliori: scegliete la vostra traiettoria e lasciate fare il resto alla bici.

Immaginatevi in sella a una bicicletta full-suspension su un percorso difficile. Dopo ogni curva uscite in accelerazione. Nel momento in cui lo fate, la sospensione divora la vostra spinta propulsiva, privandovi del divertimento e della giusta ricompensa per il vostro impegno.

APS - Advanced Pivot System

Una bicicletta full supension ben progettata offre il controllo e la sicurezza per affrontare un single-track senza esitazioni. Un sistema di sospensioni ideale massimizza l’efficienza della pedalata, senza compromettere l’assorbimento degli urti. La nostra soluzione è l’Advanced Pivot System (APS) che ottimizza la cinematica ed il posizionamento dei punti di rotazione, sfruttando nel migliore dei modi il rapporti di compressione, la corsa dell’asse del mozzo posteriore nella fase di lavoro, nonché la misura dell‘ammortizzatore. Calcoli iterativi regolano con precisione le proprietà delle sospensioni di ogni nostro modello full-suspension per ottenere le migliori caratteristiche su ogni terreno. Il risultato è una struttura compatta, rigida e leggera che favorisce un controllo e un trasferimento di energia eccellenti da parte del ciclista.

trailfox TF01, François Bailly-Maitre, EWS Scotland

Quando si accelera, viene generata una forza inerziale che tende a comprimere gli ammortizzatori. La nostra soluzione APS neutralizza questo effetto. Essa calcola accuratamente i punti di rotazione della sospensione posteriore in modo tale che la forza inerziale generata nel momento dell’accelerazione non venga dispersa nella compressione dell‘ammortizzatore ma sia la tensione della catena che compensa questo effetto. Di conseguenza la forza dei pedali è utilizzata solo per la propulsione, senza perdita di energia. Il sistema di assorbimento degli urti assicura un‘ottima trazione e quindi garantisce il trasferimento della potenza al terreno.

Innovation APS

La nostra soluzione consente di trovare il posizionamento dei punti di rotazione. APS ottiene questo risultato mediante calcoli iterativi che mirano a precisare le caratteristiche delle sospensioni come il rapporto di compressione, la curva creata dall’asse del mozzo posteriore nella fase di lavoro della sospensione e l’entità del kickback. Il carro posteriore URT è collegato al telaio tramite tre biellette, due in basso ed una in alto che attiva l'ammortizzatore. Il risultato è una struttura compatta, rigida e leggera. Gli urti sono assorbiti dagli ammortizzatori, garantendo estrema comodità al ciclista.

Un altro esempio delle soluzioni all’avanguardia elaborate dall’Impec Advanced R&D Lab e del nostro totale impegno per collocare il ciclista al centro dell’equazione, è un sistema di cinematica avanzato che offra la perfetta combinazione di efficienza, trazione e comfort.

  • Trazione

    Per assicurare la corsa delle sospensioni nelle giuste proporzioni per ciascuno dei nostri modelli abbiamo ottimizzato il rapporto di compressione, garantendo l’equilibrio ideale tra progressività e sensibilità alle piccole asperità.
  • Controllo

    Un basso rapporto di compressione della sospensione significa un maggiore flusso di olio e minore dispersione di energia. Scegliete la vostra traiettoria e lasciate fare il resto alla bicicletta.
  • Efficienza

    Per quanto riguarda l’aderenza al terreno ci sarebbe molto da dire. Una tenuta di strada ottimale consente di avanzare più rapidamente.
Aaron Bradford Trailfoxing Santa Cruz's Best

Tra l'impresa epica degli EWS in Cile e la sfida brutale rappresentata dagli EWS in Scozia, Aaron Bradford, del team BMC Enduro, ritorna alla sue radici sul percorso di casa di Santa Cruz, CA. Durante il percorso la trailfox TF01 di Aaron si adatta perfettamente alla versatilità dei terreni che incontra.

BWC - 29 pollici. Assolutamente Absalon

Un telaio con geometria specifica per le ruote grandi significa un controllo eccellente per il pilota

Fai scorrere! Le 29” scorrono facilmente, in salita e in discesa

Resta a tuo agio e mantieniti veloce anche nello stretto

Nel mondo della mountain bike, le ruote da 29” hanno cambiato le regole del gioco, consentendo di pedalare più facilmente su terreni impegnativi. Un maggiore diametro delle ruote consente maggior controllo, confort, affidabilità e infine, ma non meno importante, maggior velocità. Julien Absalon ha scelto il Big Wheel Concept di BMC nel 2013 e nel 2014 ha vinto il Campionato del Mondo adottando questo semplice concetto.

BWC – Big Wheel Concept

Le prestazioni vincenti sono molto di più del solo diametro delle ruote. È importante il modo in cui le ruote sono inserite nella geometria della bici. Il nostro Big Wheel Concept è in grado di sfruttare al massimo i vantaggi offerti nel rotolamento dalle ruote da 29”, conservando una geometria funzionale e una posizione di controllo, che offrono sensazioni di guida agili e vive. Il movimento centrale più basso e i foderi corti favoriscono un’eccellente trazione ed un ottimo controllo. Un tubo orizzontale lungo ed un attacco manubrio corto consentono al ciclista di trovare un posizione in sella efficace. BWC si concentra sugli elementi che portano i vantaggi delle ruote grandi direttamente sul terreno.

BMC Mountainbike Racing Team, Julien Absalon, NoveMesto XC 2014
  • Più agilità

    Affrontare una curva a gomito diventa istintivo, non è solo una manovra; quando vi inclinate, la bicicletta si muove con voi.
  • Più stabilità

    Grazie alla massima aderenza delle ruote al terreno, il ciclista può osare di più e andare più veloce.

DTi – a prova di futuro e pronto alle tue prossime scelte

Lasciamo scegliere a te, meccanica o elettronica

La bicicletta è un inverstimento, dovrebbe apparire come un buon investimento

Un solo telaio, infinite combinazioni di componenti

Un telaio buono quanto la somma delle sue parti. Le nostre sono costruite a prova di futuro. Per assemblare gli strumenti del mestiere, abbiamo sviluppato la funzione Dual Transmission Integration o DTi.  Grazie a questo sistema esclusivo di BMC abbiamo integrato sia cablaggi dei sistemi meccanici sia quelli elettronici. Questo vi consente la libertà totale nella scelta dei gruppi. L’integrazione è funzionale, senza compromessi dal punto di vista estetico o aerodinamico. Un look elegante che vi permette di realizzare grandi prestazioni.

DTi - Dual Transmission Integration

teammachine SLR, DTi - Dual Transmission Integration
timemachine TMR, DTi - Dual Transmission Integration

Predisposizione al passaggio cavi di estrema pulizia e a prova di futuro, compatibile con trasmissioni tradizionali a cavi e con componenti elettronici Shimano Di2.

Innovazione
Svizzera, Italiano BMC SitesTrova un rivenditoreShopContatto